Sharpei: origini, aspetto, carattere e cura

0

Lo Sharpei è tra le razze di cani più amate. La pelle rugosa dona a questi cani un aspetto molto particolare, definito dai più buffo ed è proprio per l’aspetto che si fanno amare fin dal primo sguardo.

In questo approfondimento conosceremo le origini della razza, tutte le caratteristiche fisiche di questi cani, il loro carattere ed anche alcuni consigli per prendersene cura al meglio.

Origini dalla razza

Iniziamo con le origini della razza, che sono davvero molto antiche. Le prime testimonianze di questi cani datano la loro presenza in Cina nel 2.000 a.C., rendendo lo Sharpei uno dei cani più antichi di cui si abbia conoscenza.

Da molti veniva definito un cane tuttofare, dato che gli venivano affidati compiti molto diversi. Non era insolito, ad esempio, affidare loro il compito di fare la guardia, così come non era insolito impiegarli per la caccia o come animali da combattimento.

Molto più recenti sono invece le testimonianze della sua presenza nei paesi occidentali. Questa razza è stata infatti portata in occidente negli anni ’70 da un gruppo di ricercatori di Hong Kong. La scelta di introdurre lo Shar Pei in Occidente è stata importantissima per la sopravvivenza della razza, dal momento che più volte questi cani hanno rischiato l’estinzione con il susseguirsi dei regimi cinesi.

Sharpei aspetto

Passiamo ora ad analizzare l’aspetto dello Sharpei, del quale abbiamo già accennato la peculiare pelle rugosa. Si tratta di un cane classificato tra quelli di taglia medio – grande: gli esemplari maschi possono arrivare a pesare 25 kg e possono raggiungere un’altezza di circa 50 centimetri, mentre le femmine hanno dimensioni e peso leggermente ridotti.

Questo cane si presenta con una testa grande, la quale ospita degli occhi scuri e infossati, che hanno una forma a mandorla. Il pelo dello Sharpei è duro e raso, può essere di colore nero oppure crema e la pelle presenta le rughe di cui abbiamo parlato in precedenza. La coda è rotonda e di grandi dimensioni.

Carattere dello Sharpei

Oltre all’aspetto estetico, è utile analizzare anche il carattere dello Sharpei. Si tratta di un cane adatto per la famiglia, con un carattere dolce e affettuoso. Trattandosi di un cane che per natura è da combattimento, non ci si deve stupire del suo carattere deciso, ma con la giusta educazione – non per forza con dei corsi di addestramento – non si avranno difficoltà a farlo diventare un perfetto membro della famiglia.

Questo cane ama molto i bambini, con i quali adora trascorrere anche intere giornate. Nei confronti degli estranei inizialmente è diffidente, ma mai aggressivo e basta che ci faccia amicizia per diventare dolce anche con loro.

Non ha bisogno necessariamente di un grande giardino o di ampi spazi in cui correre, per lui è sufficiente stare con i padroni ed avere dei momenti della giornata dedicati al gioco ed all’attività fisica. E’ quindi un cane che può stare bene anche in appartamento, basta che abbia i suoi momenti di svago.

Sharpei cura e cuccioli

Per la cura dello Sharpei bisogna ricordare innanzitutto che questo cane ha una pelle delicata, soprattutto perché tra le pieghe si può raccogliere lo sporco, che potrebbe portare a delle irritazione, oltre che ad un cattivo odore.

Il consiglio che possiamo dare è di spazzolare spesso il proprio cucciolo e di pulire la pelle di frequente utilizzando delle salviette umidificate, scegliendo magari quelle pensate appositamente per i cani, che sono testate per essere sicure sulla loro pelle e per il loro pelo.

Per quanto concerne l’alimentazione, il cane dovrebbe seguire una dieta equilibrata e che preveda solo alimenti per cani. E’ un errore abituare il proprio amico a quattro zampe a mangiare i nostri stessi alimenti, dal momento che la maggior parte di essi non sono salutari per il cane.

Acquistare un cucciolo di Sharpei richiede al momento una spesa di circa 500 euro. Il costo può variare in base all’allevamento o al negozio a cui ci si rivolge, ma il prezzo medio è quello indicato. Il consiglio è di iniziare ad educare il cucciolo fin dal suo primo giorno nella nuova casa, per far sì che diventi affettuoso e che impari ad interagire con i membri della famiglia, in particolare se ci sono dei bambini, di cui il cane potrebbe diventare il miglior amico.

Condividi articolo
  •  
  •  
  •  
  •  

About Author

Redazione web

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply