Vacanze estive vegan ma senza rinunciare al gusto!

0

Chi dice che in vacanza non è possibile mangiare sano e vegano? Semplicemente non sa che, soprattutto nel settore turistico, le strutture ricettive stanno sempre più assecondando le esigenze dei propri ospiti.

Se ad esempio si desidera passare l’estate in spiaggia, basta scegliere un albergo con cucina Vegana e vegetariana a Rimini e il gioco è fatto.

Soprattutto nella Riviera Romagnola troverai piatti gustosi e non dovrai fare rinunce, potrai goderti la tua vacanza in totale relax. Se si ha a cuore la filosofia vegan, o semplicemente lo stile nutrizionale vegan o vegetariano, perché rinunciare proprio in vacanza?

La vacanza è relax e chi è sensibile alle tematiche animaliste o chi preferisce una dieta vegan, non può avere il timore di incorrere in spiacevoli sorprese. Potrebbe sembrare difficile trovare la struttura ricettiva che metta a disposizione questo tipo di servizio, eppure ormai, tra intolleranze e filosofie è diventato davvero importante assecondare le esigenze di tutti i turisti.

Però in vacanza non sempre si mangia in albergo, quindi ecco di seguito alcuni interessanti consigli per continuare a mangiare vegan e vegetariano anche in spiaggia.

Se in giro trovi solo panini pensa a sostituirli con delle gustose e sane insalate di riso, un vero vantaggio per il corpo e per le tasche. Per spezzare le giornate solo spuntini sani! Frutta fresca, secca e cereali non devono mancare…

Un consiglio molto importante, al di là di cosa mangi non dimenticare di mangiare con calma, evita di andare di fretta, è sicuramente un cattivo modo per digerire, anzi, la conseguenza è un vero e proprio stress dell’apparato e della propria salute, a proposito evita anche pranzi ad alto contenuto calorico.

Mangia della sana frutta fresca e non saltare mai la colazione, non dimenticare che questo è il pasto più importante della giornata. Ma durante i pasti non dimenticare frutta e verdura, che ti permetteranno di reintegrare vitamine e sali minerali, che probabilmente avrai disperso con le attività di ogni giorno.

Per esempio, abbina le verdure, come i peperoni, le melanzane o le zucchine al cous cous e per terminare con dolcezza non rinunciare a della frutta fresca, a un sorbetto, a una granita, a un gelato di soia o di riso.

Scegliere di mangiare vegan in vacanza vuol dire non dimenticare i propri principi, essere consapevoli di portare avanti e fino in fondo una filosofia cruelty free, non solo per la salvaguardia degli animali, ma anche per ridurre l’impatto ambientale, attraverso l’adozione di sistemi di risparmio energetico e idrico.

Trascorrere una vacanza consapevole vuole dire non trascurare nulla e anche i prodotti scelti dovrebbero essere preferibilmente a chilometro zero e biologici, solo così si contribuisce a vivere serenamente senza apportare danni alla natura che ci circonda.

Spesso sia vegetariani che vegani si trovano in difficoltà di fronte ai soliti menù e al dover richiederne uno speciale, infatti capita di ritrovarsi davanti solo dei contorni lessi. La cultura green sta prendendo sempre più piede anche in Italia e passo dopo passo anche il settore turistico si sta adeguando a queste nuove richieste del mercato, in questo nella Riviera Romagnola gli albergatori, come sempre hanno percepito questa necessità e si preparano per rispondere al meglio.

In Romagna la piadina è di tradizione, per i vegani si trova senza strutto, ma lavorata con olio extravergine d’oliva, quale scelta migliore per una sana merenda? Cereali e legumi abbinati a seitan e tofu sono ideali per il giusto apporto di ferro e proteine.

Fonte di proteine è, per esempio la grigliata vegana (eh sì, non esiste solo quella di carne!), e non è fatta solo di tristi verdure lesse, anzi oggi si possono trovare anche le birre vegane. I crostini e le bruschette possono essere arricchite di verdure, salse e aglio. Ideale sarebbe l’utilizzo del pane integrale con gustosi pomodorini tagliati a pezzetti e conditi con olio e sale.

I funghi possono essere marinati con olio, sale, pepe, prezzemolo per poi essere grigliati. Da abbinare a divertenti pannocchie, bollite e poi grigliate, condite con olio, erba cipollina, salsa piccante, prezzemolo e pepe.

Dolci senza latte e uova esistono? Eccome… tra gli ingredienti si trova la frutta fresca, il cioccolato fondente di soia, lo sciroppo di riso, le patate e il latte di soia, fondamentali per dolci pietanze gustose.

Una vacanza sostenibile è possibile… soprattutto quando si sceglie una struttura ricettiva che assicuri ingredienti provenienti da agricoltura biologica, prodotti senza ogm e a chilometro zero, per incentivare l’economia locale.

Condividi articolo
  • 1
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

About Author

Redazione web

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply