Porcellini d’india: 9 cose da sapere prima di adottarli

0

Cavia domestica, porcellino d’India, maialino d’India e porcellino di mare. Questi sono i nomi con cui viene tipiacamente chiamata la Cavia Porcellus. Si tratta di un piccolo roditore che appartiene alla famiglia dei cavidi, originario dell’America del Sud. I porcellini d’india sono diventati molto popolari negli ultimi anni come animali da compagnia sia perché sono buffi e divertenti, ma anche perchè non sono così difficili da allevare.

Si tratta infatti di un animaletto che si è conquistato il cuore degli italiani, diventando in breve tempo tra i preferiti, insieme a criceto e coniglio.

Molti genitori, infatti, tendono a regalarli ai bambini quando chiedono di avere un animale, ritenendo i roditori meno impegnativi di un cane o un gatto. Ma attenzione, perchè si tratta di una falsa convinzione. Ogni specie ha le sue necessità e i porcellini d’india richiedono molte più cure e attenzioni di quanto si possa immaginare.

Prendere con sé un animale, adottarlo, offrirgli casa è un gesto apprezzabile, ma solo se questo viene adottato e mai acquistato. Alla fine dell’articolo ti indicheremo a chi rivolgerti per adottarne uno. E se dovete regalarlo, fatelo sempre e solo dopo aver accertato l’effettiva disponibilità ad accudirlo per tutta la vita.

porcellini d’india sono creature piuttosto timide, che non riescono a muoversi rapidamente neppure in caso di pericolo: come farebbero in natura, sanno soltanto rifugiarsi nelle loro tane per sentirsi al sicuro.

1. Fate l’inserimento quando non c’è confusione

Se avete scelto di adottare un porcellino d’India, programmate al meglio il giorno in cui vorrete portarlo a casa. I primi giorni meglio evitare confusione e troppe persone in casa per non farlo spaventare, diamogli il tempo di adattarsi e di abituarsi al nuovo ambiente.

2. La gabbia e i suoi accessori

I porcellini d’india non sono molto esigenti riguardo a marca e modello di gabbia. Potrete anche inventarvi una gabbia fai da te oppure acquistarla online. La gabbia andrà posizionata nel punto meno caotico e rumoroso della vostra casa.

Caratteristiche gabbia e accessori indispensabili:

  • Dimensioni minime per la gabbia sono 80 x 40 cm per ogni cavia.;
  • Il fondo deve essere solido, senza la griglia;
  • Deve essere in materiale facilmente lavabile (acciaio o plastica);
  • La lettiera, spessa e sempre ben asciutta e pulita, deve essere di materiale assorbente, morbido e innocuo per l’animale: tutolo di mais, pellet di carta riciclata (si trovano nei negozi per animali), carta a pezzi e fieno, sono perfetti;
  • Recipienti per il mangime;
  • Rastrelliere per il fieno e le verdure;
  • Abbeveratoi del tipo a goccia da appendere alla parete della gabbia;
  • Una casetta in legno o cartone, dove possono dormire e rifugiarsi nel caso di uno spavento;
  • Non lasciate la gabbia in box o sottotetti. La temperatura deve essere compresa tra 18 e 26°C;

3. Potete lasciarli liberi per la casa o il giardino

I porcellini d’india, nel caso in cui non ci fossero troppe persone, possono essere lasciati liberi di girare per casa. Meglio curarli, dato che tendono a rodere tutto quello che capita loro a tiro. Molto difficilmente possono essere addestrare a sporcare nella cassetta per cui potrebbero defecare in giro per la casa.

Stesso discorso per quanto riguarda il giardino. Meglio se si tratta di un’area non troppo grande, nella quale potete sorvegliarli. Meglio evitare il contatto con altri animali sovraeccitati che potrebbero spaventarli.

4. Cosa mangiano i porcellini d’India

Le cavie seguono una dieta vegetale, in quanto sono degli erbivori. Nella sua alimentazione non devono mancare: fieno, verdura e frutta fresca tra cui carote, radicchio,spinaci, insalata, mela, pera, il tutto sempre fresco e crudo.

Le fibre sono importanti per l’intestino ma anche per mantenere la giusta lunghezza dei denti che crescono di continuo se non vengono consumati con la masticazione. L’acqua nell’abbeveratoio non deve mai mancare.

No ad alimenti come pasta, sia cruda che cotta o condita, prodotti da forno come pane, grissini o cracker, ma anche biscotti, dolci compreso il cioccolato, e ancora latte e latticini freschi o stagionati, semi e il cibo per roditori non specifico per i porcellini d’India sono da evitare perché estremamente dannosi per l’intestino dei porcellini d’India.

5. Meglio adottarne 2, altrimenti soffrono di solitudine

In cattività sono abituati a vivere in gruppi, è quindi preferibile adottarne almeno due, per far si che da solo non soffra di solitudine. Potete tenere insieme due femmine, due maschi castrati ma anche un maschio e una femmina. Se però non volete che si riproducano allora il maschio dovrà essere sterilizzat.

6. Possono vivere fino a 8 anni

I porcellini d’india, se sani e ben accuditi, possono vivere fino ad otto anni, mentre in cattività la loro vita arriva ai 3-4 anni circa.

7. Igiene e cura

Questo animaletto non va lavato perché si tiene pulito da solo. Sarà sufficiente tenere sempre ben pulita la lettiera. Se la cavia lo apprezza, potete spazzolare il suo pelo (se a pelo lungo). Tagliategli le unghie regolarmente – meglio se se ne occupa il vostro veterinario di fiducia – perché, se sono troppo lunghe, tendono a girarsi provocando danni alle zampe.

8. Se mangia la sua cacca, non preoccupatevi

Se notate che mangia le proprie feci non preoccupatevi: le cavie sono coprofagiche, lo fanno per assimilare vitamine, proteine e fibre contenute nelle feci.

9. Fatelo giocare, ma con attenzione

Potete farlo giocare insieme ai bambini, ma spiegate loro che quando il porcellino d’India alza la testa significa che non vuole più essere accarezzato. Evitate di prenderlo in braccio. Hanno le ossa molto fragili e una caduta potrebbe essere davvero pericolosa.

Dove adottare un porcellino d’India

Ci sono centinaia di porcellini d’India che cercando casa. Non acquistarli nei negozi, ma preferisci adottarlo da rifugi o centri di recupero.

Esistono diverse associazioni che trattano l’adozione di cavie. AAE che è nazionale, La Collina dei conigli che opera prevalentemente a Monza e limitrofi, Felicizampe Cavie, nel nord e centro Italia, oltre alle più famose ENPA di zona che talvolta si trovano a dover soccorrere questi piccoli roditori in difficoltà.

About Author

Redazione web

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply