5 disinfettanti naturali, alternative all’amuchina

0

L’amuchina è un disinfettante a base di acqua e ipoclorito di sodio, che viene utilizzato per igienizzare e disinfettare frutta, verdura e l’ambiente domestico.

Il marchio Amuchina ® nasce negli anni ‘30 per combattere la tubercolosi che allora creava gravi problemi sanitari e sociali e durante la seconda guerra mondiale, trova impiego nella disinfezione dell’acqua da bere. Negli anni ’50-’70 diventa il prodotto più utilizzato negli ospedali per la disinfezione delle macchine per dialisi e per la dialisi peritoneale. L’amuchina ® negli anni 80, a seguito dell’epidemia di colera del sud Italia, diventa il disinfettante più usato per la disinfezione dell’acqua da bere e per disinfettare frutta e verdura.

L’ipoclorito di sodio

L’ipoclorito di sodio è il sale di sodio dell’acido ipocloroso.  Diluito variabilmente dall’1% al 25% in soluzione acquosa, di colore giallo-paglierino e dal caratteristico odore penetrante, è noto nell’uso comune come sbiancante e disinfettante, con i seguenti nomi:

  • Candeggina, Usata per detergere, disinfettare sanitari e pavimenti, smacchiare e sbiancare i capi di abbigliamento non colorati.
  • VarichinaVarechina o Varecchina. Usata per candeggiare fibre tessili, tessuti, ecc.
  • Amuchina, in soluzione più diluita, viene usata come disinfettante alimentare.

E’ cosi importante disinfettare?

I germi e i batteri sono ovunque. Il nostro stesso organismo è popolato da germi e batteri ed il sistema immunitario ha il compito di difenderci dalle infezioni. Troviamo germi e batteri ovunque. In bagno: Sul tappetino, sulle pareti vicine al WC, nel porta-spazzolini. In cucina sulla macchinette del caffè, nella ciotola del cane/gatto e sulle manopole dei fornelli. In salotto: Sul telecomando, sui giocattoli degli animali domestici e sugli interruttori della luce.

Pulire e igienizzare è importante, ma rendiamoci conto che comunque è impossibile isolarci del tutto dai batteri, e forse non è nemmeno auspicabile, dato che il contatto con l’ambiente esterno, ci aiuta a sviluppare le difese immunitarie. Neonati compresi.

Meglio quindi non passare da un eccesso all’altro, perché esagerare anche nella pulizia può portare il problema del calo di difese immunitarie.

Le alternative all’amuchina per disinfettare sono acetolimonepercarbonato di sodiobicarbonato e tea tree oil. Vediamo come utilizzarli.

Alternative all’amuchina per lavare frutta e verdura

Per igienizzare frutta e verdura possiamo usare dei disinfettanti naturali. Le nostre nonne, oltre che a lavare e strofinare molto bene, talvolta usavano acetobicarbonato o di succo di limone. Prepara una soluzione con uno di questi 3 prodotti e lasciate in ammollo la frutta per qualche minuto.

Se vogliamo essere certi di ridurre al massimo la presenza di germi e batteri, possiamo decidere di acquistare frutta biologica, oppure di sbucciarla prima di consumarle.

Alternative all’amuchina per disinfettare il bucato

Come già spiegato nell’articolo su come igienizzare e disinfettare il bucato con metodi naturali, potete disinfettare il bucato con dei metodi alternativi naturali. Potete provare a lavare ad alte temperature, oppure rimanere a 50 gradi e usare il percarbonato di sodio – chiamato anche la candeggina naturale – molto efficace e adatto ai bambini.

Alternative all’amuchina per oggetti del neonato

La presenza di neonati e bambini in casa richiede qualche attenzione in più all’igiene e alla pulizia. Non solo delle superfici ma anche degli oggetti maneggiati dai più piccoli, come biberon e giocattoli.

Per sterilizzare gli oggetti del bebè, come ciucci e tettarelle, potete usare gli appositi sterilizzatori in commercio. Se non l’avete, potete far bollire l’oggetto in un pentolino d’acqua per 5 minuti. Potete invece lavare i giocattoli con acqua calda e percarbonato di sodio, oppure strofinarli con un panno umido di acqua ossigenata.

Alternative all’amuchina per disinfettare le mani

Chi passa molto tempo fuori casa sa quanto sia importante disinfettare le mani, specialmente se si usano mezzi pubblici tutti i giorni e le influenze stagionali sono in agguato.

Se avete la necessità di disinfettare le mani quando siete fuori casa, potete preparare un disinfettante naturale fai da te a base del potete tea tree oil, uno straordinario olio essenziale. Preparate questo disinfettante fai da te è molto semplice. Ricordati che il tea tree oil non ha un odore molto gradevole, dovrai quindi miscelarlo con altri oli essenziali più profumati.

  • 120 ml d’acqua
  • 12 gocce di olio essenziale di Tea Tree
  • 12 gocce di olio essenziale di limone
  • 12 gocce di olio essenziale di menta

Versate l’acqua in una bottiglietta con spruzzino, aggiungere gli oli essenziali, mescolare il tutto e agitare prima dell’uso.

immagine germi e batteri via shutterstock

About Author

Redazione web

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell’ambiente e di chi lo vive.

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply