[GUIDA FACILE] Compostiera: Ecco come fare un compost perfetto

0

Nel precedente articolo abbiamo visto perchè è utile fare il compostaggio domestico. Per molti appassionati del verde alle prime armi, affrontare la prima volta l’operazione di compostaggio non è facile.  In questo articolo, vi spieghiamo come usare una compostiera o composter domestico, come scegliere i bidoni e come gestire i cattivi odori.

Eseguire il compostaggio è un’operazione semplice. Se sei in grado di seminare e coltivare il tuo orto, allora sicuramente sarai in grado do utilizzare correttamente una compostiera e di ottenere del compost di grande qualità.

Cosa serve per fare compostaggio

Frazione umida: Se avete un orto o un giardino, allora avete la maggior parte di quel che serve per fare compostaggio. Foglie, piantine annuali sfiorite, scarti di cucina, erba tagliata. Vi sarà utile

Composter: Si tratta di un bidone dove raccogliere gli scarti vegetali da compostare. Le dimensioni dipendono dalle vostre esigenze e dalle quantità di frazione umida che avete a disposizione. I composter possono essere sia di plastica che di legno.

4 modi per fare compostaggio

Compostiera a bidone rimovibile: Ideale in giardini dove vengono prodotte quantità ridotte di materiale compostabile. Vengono montati solitamente su un appoggio e possono essere ruotati o spostati all’occorrenza. Metodo che permette di ottenere basse quantità di compost.

Compostiera a bidoni fisso: Ideale nei giardini di grandi dimensioni, dove viene produtta una grande quantità di materiale compostabile. Questi permettono di produrre compost di continuo. Il compost viene prodotto a strati, e inserito dall’alto. Lo strato inserito per primo sarà il primo compost ad essere pronto, tramite l’utilizzo di uno sportellino posto nella parte bassa del composter. Le dimensioni ideali per un composter a bidone fisso sono 90 cm cubi. Con questa dimensione, si riesce a mantenere la temperatura necessaria ai microrganismi decompositori.

La compostiera (dall’inglese composter) o è un contenitore adatto ad accogliere la frazione organica durante la sua decomposizione aerobica. La compostiera può essere fatta di plastica (vedi modelli su amazon), ma ne esistono diversi modelli artigianali anche autocostruiti in legno e metallo. La conformazione della compostiera ideale dovrebbe essere studiata per favorire l’ossigenazione del materiale organico.

Compostiera a cumulo: La compostiera a cumulo è adatta a chi ha molto materiale da riciclare e tanto spazio a disposizione. Questo modo per fare compostaggio si presta maggiornemente per i contesti agricoli, dove non ci sono problemi legati agli odori.

Compostaggio in concimaia: Consiste in una buca scavata nel terreno dove accumulare gli scarti organici. Questo metodo è il più difficile da gestire, in quanto non è semplice agrantire la corretta ossigenazione ed è alto il rischio di accumulo di acqua.

Le 5 regole del compostaggio

1. Scegliere il luogo adatto: Metti la compostiera all’ombra di alberi che in inverno perdono le foglie, in modo che in estate il sole non possa essiccare il materiale, mentre in inverno i tiepidi raggi solari accelerino le reazioni biologiche. Posizionare la compostiera in un posto facilmente accessibile, incoraggierà te stesso e la tua famiglia ad usarla.

2. La miscela ideale: I rifiuti organici devono essere misti per fornire in modo equilibrato gli elementi necessari all’attività microbica. Miscela sempre gli scarti più umidi con quelli meno umidi.

3. Assicurare l’ossigeno necessario: Per garantire una corretta ossigenazione, non comprimere il materiale, ma sfruttare la sua porosità. Rivoltare periodicamente il materiale in modo da facilitare tale ricambio.

4. Controllare l’equilibrio tra porosità ed umidità: La porosità permette di avere un ricambio d’aria all’interno del materiale da compostare.

5. Il rapporto carbonio e l’azoto: Il rapporto carbonio/azoto è un elemento importante per il processo di compostaggio. I materiali ricchi di carbonio sono fonte di energia per la vita dei microrganismi, mentre l’azoto è indispensabile per la crescita e la moltiplicazione degli stessi.

Se nel cumulo prevalgono i rifiuti ricchi di carbonio come foglie, ramaglie, segatura, ecc., il processo ha un decorso molto lento a causa della scarsità di azoto disponibile; questo si risolve con l’aggiunta di scarti alimentari.

Se nel cumulo prevalgono rifiuti della cucina ricchi di azoto, questo libera un eccesso di ammoniaca provocando cattivi odori; in questo caso è sufficiente aggiungere rametti sminuzzati, foglie, pezzi di cartone, ecc., rimescolando il tutto per favorire l’ossigenazione.

Come usare la compostiera

Fase 1: Riempi la compostiera con una mescolanza bilanciata di ingredienti

Compost starter: Per facilitare l’attivazione dei batteri, metti sul fondo della compostiera del compost già pronto

Materie verdi: Erbacce giovani (prima che vadano in semenza); foglie di Consolida maggiore; Achillea millefoglie; escrementi di pollo, coniglio o piccione; erbacce ecc.

Materie marroni: Foglie autunnali; piante ed erbacce morte; segatura; fogli e tubi di cartone, fiori vecchi, paglia vecchia e fieno; lettiera di piccoli animali.

Lombrichi: Se usi una compostiera a fondo chiuso, per aiutare la decomposizione, puoi mettere nel compost dei lombrichi.

Aria: La corretta ossigenazione è molto importante per un buon processo di compostaggio. Fare compostaggio senza aria è possibile, ma crea un odore forte piuttosto acre. Se il tuo compost inizia ad avere un odore acido, rivoltalo per arieggiarlo ed inserisci più materiale secco.

Umidità: Il tuo mucchio dovrebbe essere umido più o meno come una spugna strizzata. Regola l’umidità bagnando con acqua o asciuga mettendo un coperchio.

Temperatura: La temperatura del mucchio è un indicatore dell’attività microbica del processo di decomposizione. Se è tiepido o caldo, tutto si sta decomponendo a dovere, ma se è la stessa dell’aria circostante, allora l’attività microbica ha subito un rallentamento ed è necessario aggiungere altro materiale ricco di azoto nella compostiera.

Fase 2: Stratifica o mischia i differenti materiali nella tua compostiera

Ma mano che riempi la tua compostiera, cerca di mescolarli affinchè vengano a contatto l’uno con l’altro e si evitino grossi agglomerati che non decompongono bene. Evita in particolar modo di creare grossi blocchi di materie verdi. Cerca di ottenere una mescolanza con un rapporto compreso tra 3 parti di materia marrone contro 1 parte di verde e 1 parte di marrone contro 1 di verde, a seconda di quali materiali hai a disposizione.

Fase 3: Rivolta la compostiera 1 volta a settimana

Operazione più semplice se si tratta di una compostiera a cumulo. Rigirare il mucchio in questa maniera aiuta a mantenere l’afflusso di aria all’interno del mucchio.

Fase 4: Trascorsi 2 mesi, valuta il tuo compost

Valuta la situazione del tuo compost. Decidi se opportuno continuare ad aggiungere materiali a decomposizione lenta piuttosto che a decomposizione rapida. Valuta se sarà meglio cominciare un nuovo mucchio di compost e smettere di aggiungere materiale a quello vecchio per lasciare che ques’ultimo completi il processo di decomposizione.

Il compost fresco (dai 2 ai 4 mesi nel caso di compostaggio con il cumulo) è ancora in corso di trasformazione. Essendo ancora ricco di sostanze nutritive è ottimo come fertilizzante e per la crescita delle piante.

Il compost pronto (dai 5 agli 8 mesi) è quando il processo di decomposizione non produce più calore. Meno adatto ad essere utilizzato come concime. Utilizzatelo in orti o giardini come fertilizzante prima della semina o del trapianto.

Il compost maturo (12/18 o 24 mesi) è quello in assoluto più stabile. Il meno adatto come concime. Perfetto a contatto diretto con le radici o i semi e come terriccio per le piante in vaso o anche in caso di risemine e rinfittamenti di prati

Fase 5: Raccogli il tuo compost finito

Se tutto va come previsto, alla fine dovresti ritrovarti con uno strato di buon compost sul fondo della compostiera o del mucchio. Se pensi che il processo non sia del tutto completo, aspetta ad utilizzarlo. Lascia il compost nella compostiera ancora un po’ o spargilo nel giardino e lascialo lì per qualche settimana prima di piantarci piante o verdura. Raccoglilo e spargilo sul prato o sul campo, oppure scava e mettilo a concimare il tuo orto. Elimina i grumi del compost con un forcone o un setaccio. Puoi approfondire leggendo la guida al compostaggio sul sito dell’AMSA.

About Author

Redazione web

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply