11 verdure che sarebbe meglio NON mangiare crude

0
Cuocere i cibi oltre i 35°, fa perdere a molti di loro vitamine, minerali e soprattutto enzimi preziosi, che vengono completamente distrutti dal calore. Frutta e verdura crudi sono il migliore alimento per il nostro corpo, ma bisogna fare attenzione perché non tutte le verdure possono essere consumate crude.
Alcune verdure risulterebbero indigeste o nel peggiore dei casi velenose senza una cottura adeguata. Per le verdure che è possibile consumare crude, e apprezzare tutte le vitamine e minerali contenuti, è bene che siano inserite nella dieta gradualmente, in quanto il nostro stomaco, dopo anni di cotto, si deve abituare a digerirle. Per una corretta assimilazione è preferibile sminuzzare le verdure crude.

Verdure da non mangiare crude

Ecco le quattro verdure da non mangiare crude:

  1. Patate: Crude sono tossiche per l’uomo per via della solanina – difesa naturale della pianta – in esse contenuta. Servono teoricamente due chili di patate crude per intossicare un adulto di settanta chili di peso.
  2. Melanzane: Come le patate, appartengono alla famiglia delle solanaceae e contengono la solanina.
  3. Pomodori verdi: Anche questi contengono la solanina.
  4. Funghi: La tossicità dei funghi non è e definibile in laboratorio: quello che si sa è di natura puramente empirica. Sono pochi i funghi che è possibile mangiare, in piccola quantità, anche se crudi.

Verdure da consumare crude con attenzione e moderazione

Ecco le verdure che è meglio consumare crude solo con alcuni accorgimenti:

  1. Spinaci: La cottura degli spinaci permette di assimilare al meglio il loro contenuto di ferro, magnesio e calcio.
  2. Peperoni: La capsicina presente nella buccia è molto poco digeribile. Basta toglierla per rendere il peperone meglio digeribile.
  3. Piselli: I piselli crudi non hanno particolari controindicazioni, ma sono in genere piuttosto indigesti.
  4. Fave: L’unico legume che può essere consumato sia crudo che cotto è la fava. Attenzione però all’allergia alle fave, che interessa circa il 3 per cento della popolazione italiana.
  5. Fagiolini o cornetti: Contengono un enzima che disturba la digestione e che viene annullato dalla fase di cottura.
  6. Rabarbaro: I piccioli sono commestibili, ma le foglie contengono notevoli quantità di acido ossalico.
  7. Broccoli e cavolfiori: Inibiscono l’assorbimento dello iodio nella tiroide.

immagine verdure crude tossiche via shutterstock

About Author

Redazione web

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

COSA NE PENSI? LASCIA QUI IL TUO COMMENTO!

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply