Free the Sun: energia solare accessibile a tutti, in ogni parte del mondo

0

Gosol.org è un team formato da persone, amici di vecchia data, ognuno con diverse competenze e con svariati anni di fieldwork sulle spalle. La loro passione e missione si sono tradotti, nel 2012, in Solar Fire Concentration S.r.l. , startup con sede a Tampere, in Finlandia. In questi ultimi 10 anni, il team ha portato la propria tecnologia in paesi come Haiti, Mali, Mexico, India con lo scopo di rendere l’energia solare accessibile a tutti, soprattutto a chi vive in situazioni di poverta’.

I forni solari non sono una novità ne’ un’invenzione recente. Cio’ che è innovativo è come e quanto i forni GoSol siano stati potenziati in questi ultimi anni. Gosol ha, infatti, sviluppato una tecnologia capace di garantire una fonte di calore molto alto, efficiente, economica, scalabile e facile da costruire con materiali e strumenti recuperabili ovunque.

In questo modo, si sfrutta il sole che fornisce energia gratuita a livello collettivo e si da’ la possibilita’ a chiunque lo voglia di avviare un proprio business “alimentandolo” ad energia rinnovabile. Creare un futuro migliore diventa cosi’ un traguardo oggettivamente fattibile.

energia solare

Mackenson Paulroc e’ sicuramente l’esempio piu’ lampante di quello che si puo’ ottenere grazie all’energia solare. In Haiti, in collaborazione con GoSol e una ONG locale, e’ riuscito ad aprire una panetteria capace non solo di mantenere la propria famiglia, ma anche di essere di stimolo per altri imprenditori che, a causa dei costi energetici elevati, non hanno mai avuto modo di avviare una loro attivita’.

La campagna crowdfunding “Free the Sun”, lanciata il 15 aprile, vuole avere un impatto ancora maggiore (http://www.gosol.org/FreeTheSun). Come sostiene Eva Wissenz, CEO di GoSol.org, si vuole dare il via ad un’ondata globale di imprenditorialità basata sull’energia solare.

La campagna si divide in diverse “tappe”. L’obiettivo iniziale e’ la distribuizione gratuita di due guide GoSol per la costruzione di forni solari affiancata allo sviluppo di nuove applicazioni utili a livello industriale e umanitario. Qualora venisse raggiunto l’obiettivo finale, il Team distribuira’ il materiale in open source.

Ovviamente, di strada da fare ce ne e’ ancora molta. “Free the Sun” mira ad innescare un cambiamento a livello globale. Si tratta, indubbiamente, di un progetto ambizioso, ambizioso tanto quanto il bisogno di cambiamento.

Gli usi della tecnologia GoSol.org sono infiniti e perfettamente adattabili sia per scopi personali sia industriali. Un villaggio africano, ad esempio, grazie ad un concentratore solare, potrebbe facilmente purificare l’acqua oppure cucinare o disidratare della frutta, senza ricorrere all’uso (e all’acquisto) di biomassa. Infine, trattandosi di una fonte di energia pulita, gratuita ed indipendente, si riduce l’inquinamento ambientale e si combattono deforestazione e mutamento climatico.

Il team di GoSol puo’ gia’ contare su investitori e partner provenienti da diverse parti del mondo. Riviste del calibro di Treehugger e Inhabitan hanno appoggiato il progetto, sottolineandone il potenziale. Rexel Foundation, World Vision, Boond, Young Greens Togo, SunFire South Africa, ChocoSol, Haiti Communitere, Laspid France, GrowNYC e Staten Island Makerspace sono solo alcuni dei sostenitori.

Non resta che continuare a lavorare sodo e vedere quale tappa della campagna verra’ raggiunta.

About Author

Redazione

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

COSA NE PENSI? LASCIA QUI IL TUO COMMENTO!

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply