I 5 semi che fanno bene alla salute: foto, proprietà e come mangiarli

0

I semi sono molto conosciuti da chi ha scelto un tipo di alimentazione vegana, vegetariana o iperproteica ma sono sicuramente meno conosciuti da tutte le altre persone. Questi preziosi elementi, che possiamo oramai trovare in gran parte dei grandi supermercati, sono infatti straordinariamente ricchi di proteine vegetali.

Caratteristiche dei semi

Oltre alle proteine, i semi sono ricchi di fibre vegetali e di acidi grassi essenziali. La fibra è un tipo specifico di carboidrato che si trova negli alimenti di origine vegetale. Passa attraverso l’apparato digerente ma non viene digerita ed ha la proprietà di promuovere movimenti intestinali con regolarità. Gli acidi grassi essenziali sono quegli acidi grassi che l’uomo, così anche come altri animali, deve introdurre attraverso la dieta per mantenere l’organismo in buone condizioni di salute.

I semi, se assunti quotidianamente e nelle giuste quantità, possono inoltre aiutare il nostro organismo a regolare il livello di colesterolo e zuccheri nel sangue.

I 5 migliori semi

I migliori semi sono 5. Imparate a conoscerli e a utilizzarli nella vostra cucina. Adatti ad ogni pasto, colazione o spuntino, i semi sono dei veri e propri toccasana per la vostra salute ed il vostro umore.

Semi di sesamo

semi di sesamo

immagine semi di sesamo via shutterstock

Carenza di calcio? Ci pensano i semi di sesamo! I semi di sesamo contengono infatti la stessa identica quantità di calcio del formaggio. Sono inoltre ricchi di minerali e vitamine del gruppo B e contengono anche molti grassi (monoinsaturi e polinsaturi). I semi di sesamo combattono il colesterolo cattivo e mantengono bassa la pressione arteriosa e aiutano la donna nel periodo della menopausa.

Come mangiare i semi di sesamo: Nell’impasto del pane, al quale dona un’ottima doratura, nei crackers, grissini e tutti i prodotti lievitati salati. Ottimi per pannature o per condire insalate e zuppe. Lo si usa anche sotto forma di gomasio, come alternativa saporita al sale da cucina. Gustosi mescolati nello yogurt.

Semi di zucca

semi

Immagine semi di zucca via Shutterstock 

I semi di zucca, grazie al triptofano, precursore della serotonina, sono i semi amici dell’umore e del sonno. Ricchi di nutrienti preziosi come i grassi omega 3 e lo zinco, minerale che mantiene in buona salute la prostata, i denti e le ossa. Con i loro fitosteroli, i semi di zucca aiutano a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo nel sangue.

I semi di zucca sono l’alimento che contiene la maggiore quantità di arginina, un amminoacido polare basico. Tostati e non salati, da assumere dopo il pasto in genere quello serale, vengono utilizzati come rimedio fitoterapico, ad esempio per l’ipertrofia prostatica benigna.

Come mangiare i semi di zucca: Tostati si rivelano un ottimo spuntino da sgranocchiare a metà mattina. Possiamo utilizzarli per arricchire delle vellutate, delle zuppe e per realizzare delle gustose pannature.

Semi di lino

semi di sesamo

immagine semi di sesamo via shutterstock

Semi di lino, i semi della pelle! I semi di lino risultano particolarmente preziosi per via del loro elevatissimo contenuto di Omega3 (utili contro i disturbi cardiaci, l’ipertensione e l’osteoporosi). I semi di lino vanno consumati crudi, preferibilmente dopo averli triturati (consumarli subito dopo la tritatura). Gli antichi ci insegnano che i semi di lino possono aiutarci a combattere problemi ed inestetismi cutanei come la dermatite, gli eczemi e la psoriasi.

Come mangiare i semi di lino: Potete aggiungerli ad un’insalata, ad uno yogurt, in zuppe, l’importante è che li mastichiate bene per liberare le preziose sostanze racchiuse nel guscio. Questi semi possono essere mangiati interi, tritati o in forma liquida.

I semi di lino trovano applicazione anche nella cosmetica naturale sotto forma di olio. L’olio di semi di lino ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi, nutrono a fondo i capelli e contrastano la formazione delle doppie punte.

Semi di girasole

semi di girasole

immagine semi di zucca via shutterstock

 

Semi di girasole, i semi della digestione e della gravidanza! I semi di girasole sono ricchi di acido folico, nutriente estremamente importante per le donne in gravidanza, periodo durante il quale il suo fabbisogno è raddoppiato. Contengono inoltre rame, selenio e vitamina E, utili per prevenire patologie cardiache e danni a livello cellulare.

Come mangiare i semi di girasole: Tostati e sgranocchiati sono un ottimo spuntino. Ottimi se frantumati ed uniti ai cereali della colazione. Da provare anche in insalate.

Semi di canapa

semi di canaopa

immagine semi di canapa via shutterstock

I semi di canapa sono semi più completi. Rappresentano un alimento naturale selezionato a partire da speciali sementi autorizzate di Canapa Sativa alimentare. I semi di canapa sono rinomati soprattutto per via del loro particolare valore nutrizionale. Ricchi di proteine, fibre e contengono ben 10 amminoacidi, oltre ad acidi grassi come l’Omega 3 e l’Omega6. Contengono tantissime i fitosteroli, componenti indispensabili per prevenire gravi forme tumorali e patologie a carico del sistema neurologico, come l’Alzheimer e il Parkinson.

Come mangiare i semi di canapa: Potete consumarli sia da soli (decorticati o integrali) che in diverse ricette in primi piatti, insalate e piatti unici. Dai semi di canapa, per mezzo della spremitura a freddo, si ricava un olio vegetale dal gusto che ricorda vagamente quello di nocciola.

immagine semi via shutterstock

About Author

Redazione web

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

COSA NE PENSI? LASCIA QUI IL TUO COMMENTO!

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply