Una nuova energia alternativa dalla Sardegna: il movimento

0

Camminare per produrre energia? Forse in un non lontano futuro sarà possibile, grazie all’idea presentata da un trio di giovani ingegneri laureati all’Università di Cagliari – Alessio Calcagni, Giorgio Leoni e Simone Mastrogiacomo – durante un incontro alla presenza dell’amministratore delegato della Saras, Massimo Moratti.

Un’energia rinnovabile come poche altre, il movimento umano, sta alla base del progetto, dal nome Sef (Smart Energy Floor). Grazie a uno speciale materiale pensato per accumulare la tensione – organico, flessibile e riciclabile, ma integrabile senza difficoltà con il materiale da costruzione – semplicemente applicando una pressione come quella delle scarpe di una persona che cammina è possibile produrre energia.

In più c’è un vantaggio non da poco: più un luogo è affollato (come una piazza, un ospedale, una stazione dei treni, un’università, una biblioteca o un altro luogo pubblico, ma anche abitazioni private) più sarà possibile aumentare la produzione.

Sef permette quindi di ottenere energia alternativa e non solo: in domotica può essere usato come interruttore o come sensore, in modo da regolare ad esempio l’accensione della luce quando si entra in una stanza.

Un’idea apparentemente semplice ma geniale, ma che presto potrebbe unirsi a eolico, solare e alle altre energie rinnovabili (su SosTariffe.it trovate le forniture più convenienti) per risparmiare sulla bolletta e proteggere l’ambiente.

About Author

Redazione

Anche le nostre piccole scelte quotidiane hanno un impatto ambientale non indifferente. Dal 2011 cerchiamo di diffondere idee e consigli per uno stile di vita più naturale, nel rispetto dell'ambiente e di chi lo vive.

COSA NE PENSI? LASCIA QUI IL TUO COMMENTO!

Loading Facebook Comments ...

Leave A Reply